La storia

Il marchio Jordan vede le sue origini vede le sue origini nel lontano 1837 con la produzionedi spazzole per capelli. La storia di questa azienda inizia con Wilhelm Jordan, nato a Copenaghen il 22 gennaio 1809 e cresciuto come il maggiore di 12 fratelli. Subito dopo la laurea, Wilhelm si spostò a Kiel, in Germania, per cercare lavoro, e da lì si trasferì ad Amburgo dove iniziò a studiare come produrre pettini per capelli. Sotto la guida di abili artigiani tedeschi, Wilhelm Jordan ha acquisito le competenze che hanno posto le basi per il lavoro della sua vita, creando un’eredità che è ancora viva e vegeta oggi.

Dopo aver tentato la fortuna viaggiando diversi anni per l’Europa centrale, Wilhelm Jordan è tornato a Copenaghen e ha fondato il suo negozio di pettini. Tuttavia il negozio chiuse poco dopo, nel 1837, quando si trasferì con altri due produttori di pettini a Christiania (Oslo), capitale norvegese famosa all’epoca come città in cui tentare la fortuna. I tre soci avviarono una modesta attività nel centro della città il 5 agosto 1837, attività che oggi è riconosciuta come una delle principali fabbriche di spazzolini d’Europa.

Al contempo Wilhelm chiese e ottenne la cittadinanza norvegese il 19 gennaio 1838, che gli consentì di ottenere lo status di capomastro del settore in Christiania. Le formalità finali prevedevano otto giorni per presentare una lettera civile alla stazione di polizia e il pagamento della tassa al magistrato.

Diversi anni dopo, la fabbrica di Wilhelm Jordan era del tutto avviata e redditizia, grazie a una forte economia locale. Il suo ottimismo era tale che decise di fare il suo primo investimento significativo acquistando una proprietà a Skippergaten 44, la cui posizione geografica strategica offriva l’ambiente ideale per continuare a sviluppare la sua attività.

Nel 1845, intuendo un’opportunità di business, iniziò a interessarsi alla produzione di spazzole, poiché a quel tempo Christiania non aveva alcun produttore residente. Wilhelm Jordan non aveva precedenti esperienze in questo campo, ma ancora una volta partì per Amburgo, città riconosciuta per l’intraprendenza nel settore, e riuscì a crearsi un certo numero di amici che, insieme alle loro famiglie, lo accompagnarono poi a Christiania portandosi dietro il know-how acquisito. Con la sua nuova attenzione per le spazzole, gli affari di Wilhelm Jordan continuarono a crescere e prosperare.

L'incendio di Christiania

Il 14 Aprile del 1858 Christiania fu colpita da un grave incendio, che bruciò un gran numero di case e immobili in tante delle migliori posizioni della città. Il risultato fu che la ricostruzione e rinnovazione creò una domanda significativa tra i produttori di mobili locali per legni stranieri esotici. La città non era in grado di soddisfare una così improvvisa richiesta e così Wilhelm Jordan tornò ad Amburgo per acquistare tre lotti di legname di alta qualità, principalmente il tanto ricercato mogano. Questo fu l’inizio di un’altra nuova attività, incentrata sul legno straniero e sulla realizzazione di impiallacciature di legno pregiato.

Dopo la morte di Wilhelm Jordan

Wilhelm Jordan morì il 19 marzo 1879 all’età di 70 anni, lasciandosi alle spalle un fiorente impero commerciale e potendo contare su dei successori in grado di preservare e alimentare quello che aveva creato. Morì come ricco e rispettato cittadino della città di Christiania. Sarà il figlio maggiore, Fredrik William Jordan, nato il 4 settembre 1841, a sviluppare ulteriormente il business nel campo di pettini e spazzole.

Le setole di piassava e Carl Jeppesen

Negli anni 1870 le strade cittadine di tutta Europa erano ancora spazzate da scope di betulle. É stato in questo periodo che gli Stati Uniti introdussero scope realizzate con setole di piassava, ancora oggi in uso, e tale innovazione si diffuse presto anche in Europa e, dunque, in Norvegia. Fu Fredrik W. Jordan che per primo riconobbe in questa novità un’ opportunità di business e, grazie alle sue conoscenze in Danimarca, entrò in contatto con lo specialista Carl Jeppesen, che si trasferì a Christiania con la sua famiglia e insieme iniziarono la produzione di piassava. Oltre agli interessi commerciali, il talentuoso danese aveva anche forti interessi sociali, giocando un ruolo centrale nello sviluppo del Partito Laburista Norvegese di cui, nel 1894-1897, divenne presidente del partito. Carl Jeppesen fu anche un importante politico locale e prestò servizio nel consiglio cittadino dal 1898 al 1925.